Festa della Donna, presidio a Tor Vergata per il reparto maternità – Foto

Verso la Festa della Donna, manifestazione al Policlinico Tor Vergata per chiedere l’apertura del reparto maternità

Lunedì 6 marzo la rete territoriale Cinecittà Bene Comune e la rete contro la violenza di genere NonUnaDiMeno, insieme al centro sociale occupato Scup e alla Casa delle Donne Lucha y Siesta, ha presidiato il Policlinico Tor Vergata per chiedere l’apertura del reparto maternità e in generale una sanità pubblica e aperta per tutte e tutti.

“Il Policlinico Tor Vergata vanta di essere un polo sanitario all’avanguardia – si legge in una nota di Cinecittà Bene Comune – ma il reparto maternità e il punto neonatale, da tempo pronti all’uso, continuano ad essere chiusi, mentre il reparto di ginecologia e ostetricia conta la totalità dei ginecologi obiettori di coscienza, limitando così il diritto delle donne a scegliere liberamente sui propri corpi”.

In pratica, al Policlinico Tor Vergata non si può abortire ma nemmeno partorire, dimenticando così completamente una parte fondamentale della sanità ma, guarda un po’, completamente sulla pelle delle donne.

Due giorni dopo sarà l’8 marzo, Festa della Donna, ed è più che legittimo chiedersi di quale tutela e parità si parla se non si riconosce e tutela nemmeno il diritto fondamentale alla salute riproduttiva. Basti pensare al dibattito che si è recentemente sviluppato attorno alla questione dei medici obiettori di coscienza, che è ancora lontano dall’essere risolto e ha portato il mese scorso la Regione Lazio ad indire un bando per assumere al San Camillo Forlanini due medici non obiettori, scatenando così nuove polemiche.

Le associazioni che hanno partecipato al presidio aderiscono anche alla giornata di sciopero indetta da NonUnaDiMeno per l’8 marzo, in occasione del centenario dall’istituzione della Festa della Donna, e si ritroveranno in piazza sotto la Regione Lazio alle ore 10.00, e corteo pomeridiano dalle 17.00 al Colosseo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *