/Il folk di Glen Hansard sul palco del Rock in Roma

Il folk di Glen Hansard sul palco del Rock in Roma

Il cantante irlandese, vincitore di un Oscar per la colonna sonora di “Once”, presenterà il nuovo album “Didn’t He Ramble”

Tra gli artisti più attesi fra quelli presenti nel già ricchissimo cartellone del Rock in Roma 2016, c’è senza dubbio l’irlandese Glen Hansard.

Già frontman dei Frames, metà degli Swell Season e vincitore di un Oscar per la colonna sonora di “Once”, Hansard presenterà dal vivo l’ultimo acclamato album “Didn’t He Ramble” (candidato ai Grammy Awards) uscito per Anti-Records, ma non mancheranno in scaletta i brani che lo hanno reso uno dei musicisti più apprezzati degli ultimi anni.

“Didn’t He Ramble”, seguito dell’acclamato album di debutto solista del 2012 “Rhythm and Repose”, rappresenta il culmine di due anni di registrazioni effettuate tra Chicago, NY e la Francia rurale, ed è un inno alle virtù di semplicità e immediatezza.

Un album, quello di Hansard, composto da brani per lo più in acustico e caratterizzati dalla consueta atmosfera intimista, e nei quali voce e chitarra sono il perno attorno al quale tutto si sviluppa.

Prodotto da Thomas Bartlett (già The National e Sufjan Stevens) e del compagno di band nei Frames, David Odlum, “Didn’t He Ramble” vede la partecipazione di diversi ospiti che hanno preso parte alle registrazioni del disco: da Sam Beam degli Iron and Wine a John Sheahan dei Dubliners, passando per Sam Amidon dei Vermont.

Glen Hansard ha anche dato alle stampe, a marzo 2015, “It Was Triumph We Once Proposed. Songs of Jason Molina,” un EP tributo per l’amico e collega Jason Molina, mente del progetto “Songs: Ohia”, prematuramente scomparso due anni fa.

Nato a Dublino nel 1970 Hansard è giunto all’attenzione internazionale grazie alla partecipazione al film di Alan Parker “The Commitments”, in cui interpreta la parte del chitarrista Outspan Foster. Ha successivamente fondato la band di culto Frames nel 1990 divenendo uno dei musicisti irlandesi più apprezzati e acclamati a livello internazionale. Nel 2003 è stato il volto del programma televisivo Other Voices: Songs from a Room dedicato alla scoperta di giovani talenti irlandesi. Nel 2006 insieme alla giovanissima Marketa Irglova, Glen forma gli Swell Season e insieme i due musicisti sono i protagonisti del bel film indipendente “Once”, grazie al quale si aggiudicano l’Oscar per la miglior canzone originale con “Falling Slowly”. Glen e Marketa hanno inoltre registrato una versione di “You Ain’t Goin” Nowhere di Bob Dylan per il film di Todd Haynes “I’m Not There” del 2007.