/Metro C a San Giovanni, la caserma di Adriano spostata e rimontata, lievitano ancora i costi

Metro C a San Giovanni, la caserma di Adriano spostata e rimontata, lievitano ancora i costi

Per far passare i treni, il sito archeologico andrà smontato e rimontato esattamente dov’era, con un nuovo aumento dei costiCaserma di Adriano

C’era da aspettarselo. Il ritrovamento di un sito archeologico a 9 metri di profondità sotto al cantiere della metro C di Amba Aradam non poteva non avere conseguenze. Conseguenze che impatteranno su tutta la costruzione della metro C.

Il sito verrà integrato con la stazione, che sarà la prima stazione metro archeologica di Roma.

Ma per far passare i treni, i sito dovrà essere prima smontato, rimontato da un’altra parte, poi rismontato e infine rimontato esattamente dove è stato trovato e diventare così il piano -1 della stazione di viale Ipponio. E’ ovvio che i costi non saranno così irrisori come le istituzioni coinvolte vorrebbero far pensare. Trentanove stanze di 4 metri per 4, distribuite su un totale 1753 metri quadrati.

Di questo progetto si sta occupando Roma Metropolitane in stretto contatto con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’Area Archeologica Centrale di Roma, guidata dal soprintendente Francesco Prosperetti. Che intanto assicura che “il cantiere proseguirà in parallelo nella parte non interessata dallo scavo. Abbiamo chiesto alla stazione appaltante di studiare la soluzione meno impattante. La nostra unica condizione è che tutto ritorni nella posizione originale”.

Il cantiere prosegue ma il progetto cambia, con inevitabili ennesime conseguenze sui costi e sui tempi di consegna (la consegna della tratta San Giovanni – Colosseo è prevista per il 2021).

“Ci sarà un costo di riprogettazione”, conferma Andrea Sciotti di Roma Metropolitane. “Lo spostamento eventuale dello scavo archeologico è previsto che sia eseguito dal contraente generale (ossia dal Consorzio Metro C) nell’ambito del contratto”.

Insomma, niente di nuovo sotto al sole, senza nulla togliere all’importanza archeologica del sito rinvenuto appare però chiaro che la mucca-da-mungere-metro-c non accenna a trovare una risoluzione credibile e concreta. E continuano a restare inascoltate le richieste di cittadini e associazioni che chiedono politiche di mobilità realmente sostenibile, come la realizzazione di una linea tranviaria al posto della costosissima e inutilizzabile metropolitana.

Per vedere le immagini della caserma di Adriano, clicca qui.